Omaggio al cuoco operaio Amedeo Sandri e al sommelier Maurizio Falloppi

È un amico di vecchia data, ed è un onore chiamarlo tale. Ci riferiamo al “cuoco operaio” Amedeo Sandri, uno dei massimi interpreti della cucina veneta. Già docente nelle scuole alberghiere e redattore della rivista “La cucina italiana”, è ancora oggi organizzatore e relatore di corsi di gastronomia, con focus particolare sulla cucina tradizionale veneta, quella che amiamo e che ci ricorda “casa”. È autore di molte opere di successo, tra le quali “La cucina vicentina”, edita da Ronzani Editori e pubblicata anche in lingua inglese, che lo vede co-autore con Maurizio Falloppi, sommelier professionista.

dedica_sandri

I numeri della cucina vicentina

4 “piatti” palladiani del celebre cuoco cinquecentesco Cristoforo di Messisbugo, 8 ricette per ogni mese (2 primi, 2 secondi, 2 contorni, 2 dolci), 21 ricette dimenticate: un “racconto didattico”, come lo definisce il gastronomo italiano Giuseppe Maffioli nella sua introduzione, “condito” (a proposito di azioni gastronomiche) da aneddoti che completano un paesaggio che va oltre il gusto e si trasforma in emozione, in narrazione, ma anche in una guida facile per chiunque voglia far rifiorire nella propria tavola la memoria della tradizionale cucina vicentina, come piace fare alla nostra brigata di cucina.

Un libro che profuma di buono

Nelle pagine di un libro si cela spesso il segreto di una cultura, di una terra e delle sue radici. “La Cucina Vicentina” di Amedeo Sandri è più di un semplice libro di ricette: è un viaggio del gusto attraverso il cuore della tradizione culinaria vicentina. In queste pagine l’autore ha sapientemente tessuto una storia gastronomica che va ben oltre l’arte di preparare un piatto. È un omaggio alla ricchezza di sapori, profumi e storie che caratterizzano la cucina di questa nostra affascinante regione.

Un libro che si divora

È un’opera che si fa “divorare” e che passa, senza soluzione di continuità, da bisi in tecia a risi e ortighe, dalla minestra alla montanara alla polenta e tosella, dalle catalogne co’ la panseta al pasticcio de polenta coi fungheti. Sapori di casa. Diversi i riferimenti – e gli ingredienti – del nostro amato Altopiano. E allora uniamoci in questo inno alla passione di Sandri per il cibo vicentino, esplorando le sue pagine come se fossimo ospiti nella cucina di nonni vicentini che condividono i loro segreti meglio custoditi. Immergiamoci nelle tradizioni culinarie tramandate di generazione in generazione, assaporando ogni parola come fosse un ingrediente prezioso in una ricetta ricca di storia e autenticità. Benvenuti in un viaggio letterario e gastronomico che celebra il connubio perfetto tra passato e presente, ‘La Cucina Vicentina’.

quartadicopertina_sandri

CALL

LOCATION

BOOKING